Torna al Blog
30/07/2019

Abbattimenti di orsi legali?

Approfittiamo della pausa estiva per fare un po’ di chiarezza su una presunta sentenza della Corte Costituzionale del 16 luglio 2019 che autorizzerebbe gli abbattimenti di orsi e lupi. Si tratta di un’interpretazione fuorviante dato che la Corte, ovviamente, non entra in merito al livello di protezione di una specie.

La sentenza non modifica i criteri per autorizzare l’eventuale cattura o abbattimento, che restano gli stessi vigenti precedentemente e si basano su deroghe eccezionali dovute al comportamento dell’animale e su protocolli di valutazione. Semplicemente chiarisce un conflitto di attribuzione della decisione tra Ministero dell’Ambiente e Province di Trento e Bolzano, in base alle prerogative sull’autonomia, dando ragione a queste ultime, in base al titolo V della Costituzione, riformato per referendum nel 2001. 

Il comunicato stampa della Corte Costituzionale dice molto chiaramente che “sono pertanto legittime le leggi (...) che autorizzano il Presidente della Provincia ad adottare provvedimenti riguardanti il prelievo, la cattura e l’eventuale uccisione degli orsi e dei lupi, quando ricorrano le condizioni previste dalla normativa di derivazione europea in materia di conservazione degli habitat naturali”.

Nulla cambia in merito ai criteri per autorizzare eventuali abbattimenti, solo decidono le province, sempre previo parere obbligatorio di Ispra. Un abbattimento deciso illegalmente resta illegittimo come prima e può essere impugnato non solo dal Ministero, ma da qualunque cittadino italiano ed europeo.