Torna al Blog
27/09/2018

Abbiamo scritto una lettera alla Commissione Europea

Insieme ad altre 54 organizzazioni europee abbiamo inviato una lettera al Presidente della Commissione Europea Juncker, al Segretario Generale della Commissione Europea Selmayr e alle Direzioni Generali Ambiente, Energia e Crescita chiedendo di non rinviare alla prossima legislatura l’adozione di un pacchetto di misure che faranno risparmiare all’Unione Europea il 5% del proprio consumo elettrico, oltre che imporre requisiti maggiormente stringenti in termini di riciclabilità e riparabilità dei prodotti.

Nello specifico, si tratta di 20 misure relativi alle normative Eco-Design e all’Etichettatura Energetica dei prodotti che sarebbero dovute essere approvate già da questa legislatura; ripetuti veti hanno rinviato l’adozione di queste misure fino a oggi, a pochi mesi dalle elezioni europee, con la concreta possibilità che l’intero pacchetto possa essere congelato in attesa che la nuova Commissione si insedi, col rischio che la sua implementazione venga deliberata non prima della fine del 2019.

Le normative europee relative all’Ecodesign e all’Etichettatura Energetica dei prodotti sono tra quelle che hanno raggiunto i migliori risultati in termini di riduzione dei consumi energetici, risorse naturali ed emissioni di gas serra e sono fondamentali per assicurare il successo delle strategie comunitarie volte a contrastare il cambiamento climatico e avviare un’economia europea che sia finalmente circolare.

Un rinvio di un anno dell’approvazione di questo pacchetto avrebbe costi salati per tutti: per i cittadini europei e per l’ambiente, visto che i nuovi standard di risparmio energetico, riparabilità e riciclabilità dei prodotti verrebbero adottati con un anno di ritardo, per l’industria che si troverebbe a operare in un contesto di crescente incertezza normativa e per le politiche europee volte a mitigare il cambiamento climatico e avviare percorsi virtuosi di circular economy.

È possibile scaricare la lettera nella sezione allegati.