Torna al Blog
14/02/2016

Aree remote per gli orsi: i risultati

Il progetto Aree Remote per gli Orsi ha avuto come obiettivo principale l’individuazione e lo studio di aree tranquille adatte alla colonizzazione da parte di femmine di orso per l’espansione della popolazione trentina verso le Alpi occidentali

Il progetto ha previsto diverse tappe che hanno portato alla definizione di una rete dei aree potenzialemente adatte:

 

  • La prima fase ha visto l'organizzazione di incontri di confronto, condivisione e ricerca con esperti di gestione dell'orso per definire i parametri per l’individuazione delle aree remote. Tra gli esperti coinvolti, il dott. Filippo Zibordi, dott. Andrea Mustoni, dott. Luca Pedrotti, dott. Eugenio Carlini, dott. Carlo Frapporti.
 
  • Si sono poi organizzati colloqui con esperti del territorio delle province di Bergamo, Brescia, Sondrio, Lecco e Como per individuare su mappa le potenziali aree remote in base ai parametri individuati durante il workshop con gli esperti.
 
  • Una volta individuate le aree maggiormente idonee, sono stati condotti alcuni sopralluoghi sul posto per verificare sul campo l'effettiva idoneità.
 
  • Dopo le analisi su mappa e sul campo, sono state prodotte mappe delle varie aree comprensive dei corridoi di collegamento tra esse, in modo da creare una vera e propria rete in cui gli orsi potrebbero muoversi.
 
  • Infine, i risultati ottenuti sono stati condivisi con gli enti di competenza.
 
Il nostro intento ora è quello di rendere questa rete per gli orsi realtà, individuando le modalità con cui questa può essere preservata.