Torna al Blog
16/05/2020

Citizen Science e Educazione nel weekend del Bioblitz Lombardia!

E’ arrivato il weekend del BioBlitz: in attesa di incontrarci di nuovo nelle Aree Protette della Lombardia, l’edizione 2020 si è trasformata in “Bioblitz Lombardia da casa mia“. L’appuntamento si è spostato, per oggi 16 maggio e domani 17 maggio, sui nostri balconi e giardini, alla ricerca di erbe o fiori spontanei, insetti o anfibi, funghi e licheni, alberi, nidi... Tutti possono prendere parte al BioBlitz, contribuendo a questa grande iniziativa di Citizen Science e partecipando in maniera diretta allo studio e alla tutela della biodiversità lombarda. 

L'evento è promosso dalla rete dei Parchi e delle aree protette lombarde di cui fa parte anche il Parco Monte Barro che, per l'occasione, mette a disposizione l'indirizzo e-mail educazione@eliante.it, a cui ci si potrà rivolgere per chiedere assistenza sull'uso della piattaforma iNaturalist e per ogni altra richiesta sulla partecipazione alla raccolta dei dati.

Ma cos’è esattamente la Citizen Science e perché è importante? Da definizione, indica quel complesso di attività collegate ad una ricerca scientifica a cui partecipano attivamente semplici cittadini, portando il loro contributo. I volontari possono fornire osservazioni sul campo, analizzare immagini per riconoscere specie o altri elementi, monitorare suoni, temperature o altri dati, supportare i tecnici nello sviluppo di nuove tecnologie. Antonio Bossi, che in Eliante si occupa di educazione ambientale, ci racconta il valore formativo di iniziative come Bioblitz:

“La ricerca scientifica e il monitoraggio delle specie animali e vegetali sono indispensabili per la valutazione dello stato di conservazione e tutela della natura. E grazie alle moderne tecnologie e all'uso di strumenti web interattivi, la raccolta e la gestione di vaste banche dati è facilmente accessibile a tutti. Il diffondersi della Citizen Science testimonia proprio questa evoluzione, certo legata alla crescente sensibilità ambientale di un numero sempre maggiore di persone ma caratterizzata dal passaggio dalla tradizionale ricerca scientifica e tecnologica ad opera di ricercatori e "scienziati" a un'area più estesa, con una forte spinta alla partecipazione attiva dei cittadini, spesso organizzati in associazioni.

Uscire da casa "in cerca di natura", per osservarla e raccogliere informazioni da condividere con gli altri rilevatori, ha inoltre l'importanza fondamentale di riportare le persone a contatto con i sistemi naturali, ricchi di specie animali e vegetali, quasi sempre comuni, ma testimoni di una grande complessità di relazioni tutte da riscoprire.I risvolti educativi sono davvero infiniti. Una semplice escursione diviene una vera e propria avventura nella natura, che diventa  prima ancora che un luogo da conoscere un luogo da vivere e che può essere vissuto non solo come ecosistema ma come un complesso intreccio di elementi.

Rafforzando la relazione emotiva con la natura si rafforzano i legami con ciò che ci circonda, contribuendo ad aumentare il senso di responsabilità nei confronti del mondo e del prossimo. Vivere la natura da vicino e "da dentro" dà un senso a quanto si apprende, e crea un legame che favorisce anche il benessere psicofisico, sviluppa la motricità, la fiducia in sé stessi, la creatività, la capacità di comunicare e di cooperare!"

Bioblitz, in particolare, consiste nell'osservare, classificare e registrare in un determinato ambiente il maggior numero di forme di vita animali e vegetali. Quest'anno, a causa dell'emergenza Coronavirus, l'iniziativa avrà caratteristiche diverse dagli anni precedenti e si dividerà in due momenti. Come già ricordato, il primo appuntamento è per il weekend del 16 e del 17 maggio direttamente dai balconi, dai giardini o lungo le passeggiate fatte a piedi da casa. I dati raccolti durante il censimento (foto, suoni e video) saranno inseriti direttamente nella piattaforma informatica del progetto, utilizzabile sia attraverso la pagina Internet www.inaturalist.org sia mediante una omonima app, e saranno un valido strumento per il monitoraggio della biodiversità regionale.

Il secondo appuntamento è fissato per sabato 11 e domenica 12 settembre 2020. In questo caso il BioBlitz si effettuerà direttamente a contatto con la natura dei Parchi con escursioni guidate sul campo da naturalisti ed esperti. Ad entrambi li appuntamenti possono partecipare tutti i cittadini: adulti, bambini, giovani, appassionati e curiosi. Maggiore sarà il numero delle segnalazioni più alta e precisa sarà la qualità della "fotografia naturalistica" del territorio lombardo!