Torna al Blog
18/04/2014

Dall'Alpi agli Appennini: un corridoio ecologico per adattarsi ai cambiamenti climatici

L’obiettivo del progetto è consentire alle specie di adattarsi ai cambiamenti climatici consentendogli di migrare verso nord dagli Appennini settentrionali alle Alpi occidentali. Le due catene montuose si incontrano al confine tra Francia e Italia, tra valle del Rodano, Costa Azzurra, Liguria, Piemonte e Toscana; in quest’area verranno protetti i corridoi ecologici presenti e ristabiliti alcuni corridoi ecologici frammentati.

A causa della crescente urbanizzazione della Pianura Padana la possibilità delle specie di migrare verso nord è messa in serio pericolo. Parallelamente, i cambiamenti climatici rendono sempre più cruciale garantire che questa migrazione possa avvenire perché fondamentale per assicurare alle specie la possibilità di adattarsi al riscaldamento del clima.

Un tempo la funzione di cerniera tra il Mediterraneo e le Alpi veniva svolta egregiamente dalla Pianura Padana. Da quando però la pianura si è trasformata in una delle aree più urbanizzate d’Europa, la cerniera si è trasformata in un immenso muro che non consente alle specie di muoversi liberamente. L’unico spiraglio in questo muro è costituito dal fiume Ticino e dalla relativa area protetta, spiraglio però insufficiente. Da qui nasce la necessità di garantire un passaggio adeguato verso nord.

Il progetto prevede sia un’analisi puntuale dello stato della conservazione dell’area interessata dal corridoio, sia attività di partecipazione e comunicazione volte a garantire un supporto sociale e dei più importanti portatori di interesse locali al progetto. Inoltre, verranno realizzati alcuni progetto sul campo di rimozione di barriere ecologiche in aree che verranno scelte durante lo svolgimento del progetto.