Torna al Blog
04/02/2016

Il parlamento europeo difende e rafforza le direttive Habitat e Uccelli

Con un voto a larghissima maggioranza (592 favorevoli, 52 contrari) il Parlamento Europeo si è espresso a favore del rafforzamento e dell'applicazione rigorosa delle direttive Habitat e Uccelli, le due direttive fondamentali che pongono le basi legali indispensabili per la difesa della biodiversità nell'Unione Europea. 

Questo voto è beneaugurante anche perchè è in corso un processo di verifica dell'efficacia delle due direttive da parte della Commissione Europea, processo che ha visto la mobilitazione di oltre 500.000 cittadini europei che hanno chiesto a Bruxelles non solo di mantenere le direttive, ma anche di rafforzarle e applicarle al meglio.

A loro si sono aggiunti lo scorso ottobre ben 9 Ministri dell'Ambiente nazionali (tra cui quello italiano) che con una lettera indirizzata al Commissario Europeo per l'Ambiente Karmenu Vella hanno sottolineato l'importanza di non modificare le due direttive, definite "componente essenziale per la conservazione della biodiversità in Europa".

Dalla loro istituzione (1979 e 1992) le direttive Habitat e Uccelli hanno consentito di creare una rete di zone protette (Natura 2000) che oggi preserva la bellezza di 27.000 aree, che equivalgono al 18% del territorio dell'Unione e il 4% dei mari. I cittadini e l'Europarlamento sono schierati apertamente a favore delle direttive Habitat e Uccelli: ci augiriamo lo sarà anche la Commissione Europea al termine dell'iter di verifica in corso.