Torna al Blog
26/05/2020

Passeggiate per tornare in natura \ L'alpe Neel

L’aria pulita, l’arrivo dell’estate, i suoni del bosco... La fine del lockdown è il momento per riavvicinarsi all’ambiente! Per questo vogliamo condividere con voi i nostri sentieri del cuore: passeggiate suggestive su strade meno battute, dove incontrare davvero la natura. Seguici su Facebook per rimanere aggiornato su tutti i nostri consigli.

Iniziamo con la passeggiata che dal Sentiero delle Orobie bergamasche raggiunge l’Alpe Neel. Un territorio che ci è caro anche per il progetto Pasturs, sulla convivenza tra uomo e grandi carnivori. Questo progetto lavora alla formazione di volontari che si occupano di divulgare buone pratiche tra i pastori della zona, limitando il conflitto con i predatori.

Il percorso è piacevole ed adatto alle famiglie: percorrendolo ci si immerge progressivamente nell'ambiente di montagna, scoprendo la bellezza della natura. Si parte dal sentiero n° 220, e arrivati al rifugio Alpe Corte si svolta verso il n° 218A. Con la partenza da Ardesio, frazione Valcanale, il tempo di salita è di circa un'ora e trenta minuti. La fauna del Parco delle Orobie è varia e completa: tra gli uccelli troviamo l'aquila reale, la poiana, il gheppio, e anche specie rare, come la civetta nana, la civetta capogrosso, il re di quaglie e il gallo forcello, simbolo del Parco. Sono numerosissime anche le specie di anfibi, rettili e insetti. Tra i mammiferi, ricordiamo marmotta, tasso, ermellino,  camoscio, cervo e stambecco e, da pochi anni, l'orso bruno.

Indicazioni dettagliate

Dal Municipio si scende al fiume Serio e lo si attraversa, per poi salire seguendo per un breve tratto la strada asfaltata che porta alle frazioni di Cacciamali/Cerrete fino ad imboccare la stradina che porta alla Cappelletta degli Alpini. Dopo aver superato la Cappelletta si trova il sentiero che sale a quota 800 m circa fino ad incontrare una strada forestale. Da questo punto il percorso diventa pianeggiante e si entra nella Valcanale. Oltrepassato il torrente nei pressi di Albareti si segue il percorso didattico Acqualina. Giunti a Valcanale si segue via Alpe Corte fino al suo termine ove parte la strada forestale che conduce infine al rifugio. Da qui, ulla sinistra (salendo) parte il sentiero 218A che scende alla valletta sottostante, attraversa il torrente con un ponte e risale l'altro versante fino a raggiungere la strada forestale che sale all'Alpe di Neel. Arrivati al bivio, si tiene la sinistra seguendo le indicazioni. Da qui si raggiunge un bellissimo pianoro posto sotto le pareti della Corna Piana. Si incrocia di nuovo il sentiero 218 per la baita alta di Neel. Seguendo a destra la strada si può fare ritorno all'Alpe Corte.