Torna al Blog
03/08/2020

Passeggiate per tornare in natura \ Parco Brughiera Briantea

Continuano i nostri suggerimenti per vivere la natura! Questa settimana vi proponiamo un altro dei nostri sentieri del cuore: passeggiate suggestive su strade meno battute, dove incontrare davvero la biodiversità. Seguici su Facebook per rimanere aggiornato sui prossimi percorsi!

La meta estiva che vi proponiamo è il Parco Brughiera Briantea, e in particolare il sentiero numero 4, che conduce da Cabiate a Mariano Comense. Si tratta di zone importantissime come rifugio per specie animali e vegetali legate all’ambiente forestale e a quello di brughiera, con una grande varietà di paesaggi da esplorare. Il Parco è uno degli scenari dei nostri progetti di educazione ambientale, pensati per trasmettere agli studenti il valore della natura. L'ambiente di brughiera che possiamo incontrare in questo Parco un tempo era diffuso in gran parte del nord Italia. E' caratterizzato da un particolare tipo di vegetazione arbustiva, dominata dal brugo (Calluna vulgaris). Questa pianta riempie con i suoi fiori rosa le radure tra gli alberi, regalando a chi percorre i sentieri uno spettacolo inaspettato.

Indicazioni dettagliate

Da via Nicolini a Cabiate, si accede al Parco Brughiera Briantea. Incamminandosi lungo il sentiero ciottolato, si costeggia il torrente Valletta. Dopo poche decine di metri, si raggiunge il primo bivio: a sinistra si accede al sentiero numero 4. Da qui in poi, si attraversano una serie di ponticelli, il primo è il Ponticello degli Anemoni. Avanzando, si raggiunge fino alla località Madonnina, e in seguito si entra, seguendo le indicazioni, nel Bosco del Crocefisso. Ripreso il percorso lungo il sentiero 4, si entra nel Bosco di San Francesco alle Betulle, dove si trova un bassorilievo del santo. Il sentiero è ricco di cartelli, che conducono fino a laghetti della Mordina e alla Cascina, accedendo alla Valle del Terrò. Qui il sentiero si apre in un bivio, per proseguire sul sentiero 4 bisogna prendere la sinistra. Da qui si arriva fino ai belvedere di Mariano Comense, con le montagne sullo sfondo.