Torna al Blog
14/09/2018

Wild Europe – Vivere a fianco di lupi, orsi, linci e altri animali selvatici

Per la prima volta in Europa si tiene "Pathways", una conferenza internazionale sul tema del rapporto tra uomo e grandi predatori.

L’Europa è un continente densamente popolato, tanto da far sorgere timori e preoccupazioni per il ritorno dei grandi predatori (come lupi, orsi e linci) in alcune aree del Vecchio Continente. Le reazioni a questo ritorno sono molto simili in tutti gli stati e si focalizzano sulla richiesta di porre limiti al numero di individui e introdurre quote di abbattimenti. 

“Pathways” si focalizza su trovare soluzioni a questo conflitto che siano rispettose con le leggi che proteggono la fauna selvatica e le specie minacciate. Dal 16 al 19 settembre 2018 ricercatori, biologi, rappresentanti dei cacciatori e degli allevatori, enti pubblici, politici e altre parti interessate all’argomento si riuniranno a Goslar (DE) per discutere su come affrontare questa sfida, dando un’importanza particolare allo scambio di conoscenze e pratiche tra professionisti che la stanno vivendo nelle loro attività quotidiane.  

La conferenza è finanziata dall’Università del Colorado e, grazie all’impegno dell’Alfred Toepfer Acadaemy, il Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research, WWF e il progetto LIFE EuroLargeCarnivores, si terrà in Europa per la prima volta. 

Lupi, orsi e molte altre specie selvatiche fanno parte dell’identità europea e meritano la nostra protezione. La coesistenza è possibile, ma richiede volontà di adattamento e di azione da parte di tutte le parti in causa. Secondo stime ufficiali, oggi in Europa vivono all’incirca 12.000 lupi, 17.000 orsi, 9.000 linci e 1.250 ghiottoni (un grande predatore che vive in Scandinavia). Suscitano reazioni contrastanti, spesso di timore, e sono circondati da molti pregiudizi comuni in tutta Europa. Incontri come “Pathways” sono utili per uscire da una dimensione prettamente nazionale del fenomeno e imparare ad affrontarlo tramite pratiche messe in atto con successo in altri paesi. I conflitti sono locali, ma le lezioni che si imparano nell’affrontarli possono essere utilizzate su scala internazionale. 

Il progetto LIFE EuroLargeCarnivores, di cui Eliante è partner, è cofinanziato dall’Unione Europea e ha come obiettivo quello di migliorare la coesistenza coi grandi predatori attraverso lo scambio di conoscenze e la cooperazione tra diversi paesi. Il progetto metterà a disposizione un portale dove le parti interessante potranno condividere le proprie storie ed esperienze, suggerendo e discutendo possibili soluzioni. Sono numerose le buone pratiche già attuate che dimostrano come la coesistenza tra uomo e grandi predatori sia possibile anche in aree densamente popolate. Il progetto affronta la questione a 360 gradi, prendendo in esame i temi sociali, ecologici ed economici che il ritorno dei grandi predatori comporta.