Biodiversità in rete

Terminato nel febbraio 2015, il progetto è intervenuto sulla porzione di territorio lombardo delimitata a nord dal Lago del Segrino e dal Monte Barro, a est dal Fiume Adda, a sud dalla Palude di Brivio e dalla dorsale San Genesio-Colle Brianza e a ovest dal Fiume Lambro.

Obiettivo del progetto era inserire il lago di Annone nelle rete ecologica locale, all’interno di un corridoio in grado di unire il Lambro e l’Adda passanto per il Monte Barro.

Il prodotto finale del progetto è stato uno studio di fattibilità che:

 

  • Ha identificato gli interventi in grado di aprire il corridoio dove questo è interrotto da barriere come, per esempio, strade o ferrovie;
  • Ha posto le basi per la protezione del lago di Annone e di altre aree importanti per garantire la continuità del corridoio.
 

Il progetto ha visto uniti in partenariato oltre la LIPU (con cui Eliante ha collaborato), il Parco Regionale del Monte Barro, il Parco Adda Nord, il Parco Regionale Valle del Lambro e il Parco del Lago del Segrino.

Eliante si è occupata del coinvolgimento delle realtà territoriali interessate, verificando il consenso e l’adesione alle proposte contenute nello studio di fattibilità per renderne più facile l’attuazione.

Approfondisci dal nostro blog

Dove: Prealpi lombarde

Committente: LIPU

Finanziato da: Fondazione Cariplo

Durata: Marco 2013 - Febbraio 2015

Referente: Marina Trentin (trentin@eliante.it)